,

Varus, i due amanti e la Community italiana

varus_league_of_legends

Riot Games, creatrice di League Of Legends, ultimamente ha iniziato un percorso di espansione della storia del gioco, normalmente poco esplorata nell’effettivo gameplay.

Questo 30 Novembre è stato rilasciato il nuovo background di Varus, campione presentato nel Maggio 2012.

Con un arco narrativo composto da due fumetti e un video musicale, Varus è adesso un Darkin, un demone extradimensionale dedito alla distruzione e rinchiuso in un arco. Mentre i suoi fratelli calcano la Landa degli Evocatori più o meno liberamente (Aatrox ha consumato il suo posessore molto tempo fa, e Rhaast sta lottando con l’umano Kayn per ottenere il controllo del suo corpo) Varus si trova in una situazione più delicata.

Val e Kai dal fumetto Heartlight

Nel fumetto Heartlight due amanti (uomini), forti combattenti e cacciatori di bestie, rimangono feriti in un assalto dei noxiani, popolo brutale e votato alla conquista. Kai viene colpito mortalmente ma Valmar, il suo compagno, non lo abbandona. Lo trascina in un tempio sacro e prega che la sua magia possa curarlo. Ma sul fondo del pozzo si nasconde l’arco che imprigiona il Darkin Varus da secoli.

Varus scompone la materia dei due uomini, e crea un corpo perfetto, inumanamente bello, con caratteristiche umane e Darkin che cercano di sovrastarsi in continuazione. Le anime dei due amanti sono ora imprigionate nel corpo di una creatura che cerca solo vendetta, e che si nutre della rabbia di Valmar verso i noxiani.

Varus, Val e Kal trovano una sorta di equilibrio

Nel fumetto Retribution si scopre che insieme sono più forti di Varus. Riescono a gestirlo, quantomeno ad arginarlo, mentre il demone continua ad attendere il momento propizio per consumarli completamente e ottenere il corpo tanto ambito.

Con la riscrittura del background di Varus come unione di due amanti omosessuali e un darkin, la community si è divisa. La maggior parte delle ragazze e delle minoranze è rimasta piacevolmente colpita, mentre lo zoccolo duro dell’utenza – i soliti maschi cis etero – si sono lamentati parecchio.

  • Alcuni hanno criticato la nuova lore, anche se stanno riscrivendo le storie dei campioni da ormai anni.
  • Altri hanno criticato il volerlo rendere gay, anche se sono Val e Kai ad esserlo, non il darkin. Quindi Varus è gay per due terzi.
  • Molti hanno tirato fuori il suo vecchio background che lo dipingeva come un padre che vuole vendicare la sua famiglia uccisa (perché il suo essere etero, pardon, padre, era importantissimo per queste persone).

La pagina italiana ufficiale di League Of Legends ha deciso di pubblicare il video, nonostante i pareri interni contrastanti. Il solo domandarsi se sia prudente postarlo indica quanta omofobia è presente nella community gamer italiana. Tuttavia Rioter Zhydaris ha dovuto tenere sotto serrato controllo il post, cancellando i commenti più molesti e con insulti e cercando di mediare con gli omofobi meno sboccati.

Fortunatamente con le ore gli oltre centoventi commenti hanno portato anche un po’ di positività, da chi vorrebbe vedere puniti i commenti omofobi nelle partite e negli esports (qui il mio articolo a riguardo) a chi ringrazia la Riot per la loro presa di posizione nei confronti della comunità LGBT.

Con la notizia di Tracer lesbica, la Riot aveva dichiarato che avrebbero introdotto personaggi più vicini al mondo Queer, implicando che i centotrentotto campioni sono tutti eterosessuali.

Anche se alla fine l’universo “realistico” composto da un 10% di popolazione LGBT è rimasto esclusivo della saga di videogiochi Fable (2004) è comunque lodevole che la Riot abbia percepito il bisogno di parte della community di rivedersi in personaggi appartenenti alle minoranze.

È stato lento, delicato, l’ingresso di League Of Legends nei giochi pro LGBT.

Ma ha comunque generato un boato enorme.

Il giocatore medio si è reso conto, toccando con mouse, che può addirittura continuare a giocare Varus. E che la sua omofobia non trova spazio nemmeno nei videogiochi.

 

Quindi grazie, Riot. Grazie, Zhydaris.

Che questa apertura alle minoranze si ampli sempre di più.

 

 

TardigradoSpaziale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *