, ,

The Witcher a breve su Netflix

Netflix è impegnata su una nuova serie Tv co-prodotta da Sean Daniel (Ben-Hur, The Expanse e La Mummia), e Jason Brown (The Expanse).
The Witcher è una saga creata da Andrzej Sapkowski (Łódź, 21 giugno 1948) uno scrittore polacco di racconti fantasy tra cui The Witche che per ora comprende 8 libri (ancora non viene svelato come sarà adattata la serie e da quale racconto partirà la trasposizione televisa), inoltre il franchise comprende i famosi tre videogiochi prodotti dalla casa di produzione indipendente CD Project Red, una miniserie a fumetti e un gioco da tavolo e un gioco di carte digitali basato sul Gwent.

Il protagonista è Geralt di Rivia (Polacco: Geralt z Rivii), conosciuto anche come Gwynnbleid (termine che in Lingua Antica significa “Lupo bianco”, datogli dalle Driadi (abitanti e guardiane della foresta di Brokilon), un bonazzo da panico <3

Geralt di Rivia (anche se non proviene da Rivia) è il figlio della maga Visenna e di un guerriero di nome Korin. Poco dopo la sua nascita, la madre lo portò alla fortezza dei witcherKaer Morhen (in Lingua Antica Caer a’Muirehen che significa “Antica Fortezza Marina”).

Geralt sopravvisse alle mutazioni della Prova delle Erbe, grazie alla quale ottenne capacità fisiche sovraumane, incredibili riflessi, velocità, forza e udito potenziati. Per questo motivo, fu ammesso a subire le altre prove e fu uno dei pochi a sopravvivere. I suoi capelli bianchi, privi di ogni pigmento, furono una conseguenza della mutazione. Dopo aver terminato l’addestramento da witcher (strigo in italiano specializzati nell’uccisione di mostri e nello spezzare incantesimi), iniziò a vagare per il mondo sul suo cavallo, chiamato Rutilia (nome che dava ad ogni nuovo cavallo che aveva) e divenne un cacciatore di mostri mercenario. Le sue avventure gli valsero una serie di soprannomi tra cui per esempio, “Lupo Bianco” e “Carnefice di Blaviken“.

Ma chi sono questi Witcher?

I witcher sono esseri umani geneticamente modificati, grazie alla quale possono vedere al buio, sono agili e più forti rispetto ai comuni uomini,  sono resistenti a veleni e alle sostanze potenzialmente velenose contenute in molte pozioni e unguenti e possono utilizzare i Segni, una  forma di magia semplice rispetto a quella usata dai maghi più potenti, vivono più a lungo, i witcher sono sterili, nelle varie trasposizioni scritte e ludiche non sono ancora stati trovati witcher donne.

I witcher vennero infatti creati centinaia di anni prima dell’inizio del gioco con l’obiettivo di plasmare creature in grado di uccidere facilmente i mostri che infestano il mondo. Per questo, una volta divenuti witcher, vengono addestrati in speciali scuole, come quella di Kaer Morhen, per fare di loro dei caccia-mostri professionisti. I loro servizi vengono ben remunerati, e la loro presenza è tollerata fintanto che si rendono utili proteggendo villaggi e città.

 Andrzej Sapkowski che sarà anche consulente creativo afferma “Sono felice che Netflix stia realizzando un adattamento delle mie storie, mantenendo fede al materiale originale e ai temi sui quali ho speso più di trent’anni di lavoro. Sono entusiasta degli sforzi che faremo insieme e del team che è stato composto per portare in vita questi personaggi”.

La sceneggiatrice della serie televisiva sarà Lauren Hissrich (Daredevil, The Defenders) che ha annunciato su Twitter che la sceneggiatura dell’episodio pilota è stata ultimata. Per farlo ha pubblicato un’immagine in cui possiamo vedere Geralt a cavallo riflesso in una pozzanghera, con sotto la frase “End of pilot”.

Per ora non è trapelata nessun’altra notizia riguardante il cast, come sarà sviluppato e quant’altro, non ci resta che aspettare.

Silver

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *