,

Stanchi di vedere AHS? No? Beccatevi sto CUL….T!!!

Confessione: la prima stagione di AHS è stata insostenibile, sebbene debba ammettere che non avevo mai dormito così bene. Va da sé che ho affrontato questa serie con una vena di scetticismo e con un occhio piuttosto critico, e fino alla terza stagione non è mai stata una delle mie preferite. Improvvisamente, con Freak Show, i personaggi hanno assunto uno spessore incredibile, i collegamenti col mondo reale e il contesto storico si sono fatti più evidenti e in generale AHS è diventata una serie tv audace e diversa dalle altre, così come dai veri e propri film horror, che spesso e volentieri sappiamo essere deludenti o banali. Basti pensare alla metodologia di narrazione di Roanoke, assolutamente innovativa, a tratti orgasmica, del reality show. Quest’anno, affrontando la “minaccia” dell’amministrazione Trump, che il mondo di Hollywood in particolare ha condannato fin dal primo momento, mi hanno fatto veramente arrap…ehm.. sognare.

È giusto che qualcuno cacci un po’ di attributi e parli e mostri realisticamente come l’elezione di Donald “Wild Twitter” Trump abbia condizionato numerose persone e famiglie, in questo caso minacciando la validità del matrimonio tra Ally (Sarah Paulson), che deve anche fare i conti con il risveglio delle sue fobie, e Ivy (Alison Pill), madri del piccolo Oz. Allo stesso tempo, seguiamo anche le vicende di Kai (Evan Peters) che invece sperava in questa rivoluzione, rivelandosi particolarmente pericoloso.

Vostro -in qualsiasi modo mi vogliate 😛 – Onigiri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *